The Walking Dead è una serie americana, in onda dal 2010, tratta dall’omonimo fumetto di Robert Kirkman. Appartiene al genere survival-horror ma con parti molto drammatiche – a volte troppo drammatiche – cui mi sono appassionata molto.

carl

Carl, uno dei più giovani protagonisti della serie.

La prima stagione è quasi completamente incentrata sul poliziotto Rick Grimes (interpretato da Andrew Lincoln) che, a seguito di un incidente, si risveglia in un ospedale deserto. In sua assenza il mondo è stato colpito da un’infezione che causa il risveglio dei morti, esseri che nella serie sono chiamati vaganti.

La storia ha inizio quando Rick, uscito dall’ospedale, parte alla ricerca di altri esseri umani come lui, della moglie Lori e del figlio Carl (il giovanissimo Chandler Riggs che in questi anni abbiamo letteralmente visto crescere). Di stagione in stagione la trama ripercorre le vite dei vari personaggi, spesso mostrando dei flashback di ciò che erano prima dell’avvento degli zombie.
Nelle puntate sono diverse le difficoltà che si presentano, alcune da affrontare con prontezza fisica, altre con un approccio più psicologico, ma sempre volte alla sopravvivenza.

Molto importanti per il gruppo sono anche il misterioso Daryl (Norman Reedus), la coraggiosa Michonne (Danai Gurira), il fortunato Glenn (Steven Yeun). Tanti altri sono i personaggi che entrano a far parte del gruppo guidato da Rick, ma non tutti con un fine positivo, come ad esempio il Governatore (David Morrissey) o il tanto atteso Neegan (Jeffrey Dean Morgan) che ha fatto la sua comparsa nella puntata di questa notte chiudendo la sesta stagione.

Fan art Michonne

Fan art Michonne

Da domani inizierà l’attesa per la settima stagione che ripartirà probabilmente ad ottobre prossimo. Intanto possiamo ammazzare il tempoe qualche zombie – giocando all’omonimo videogame, oppure guardando la seconda stagione dello spin-off “Fear the Walking Dead” che inizierà in America il prossimo lunedì, e che propone un prequel visto da punti di vista differenti, con altri personaggi e altre storie interessanti.

Se non vi basta la scorpacciata di zombie potrei indirizzarvi al recupero della serie Z Nation“, targata Asylum (quelli di Sharknado per intenderci), molto più splatter ma con note decisamente comiche e surreali.

Impugnate quindi le vostre armi, amici, e ricordate: attenti a non farvi mordere!