Pretty Little Liars è il lungo titolo di una lunga serie tv drammatica per teenager, ma adattissima anche agli amanti dei misteri e del trash. Perché, diciamocelo, ce n’è un bel po’ in questa storia. Tratta da una serie di libri per adolescenti, scritta da Sara Shepard, non è molto fedele alla trama originale. Inoltre la sadica ideatrice della serie, Marlene King, si diverte a cambiare e trarre in inganno i fan sui social network rilasciando finti indizi e spoiler errati. Maledetta.

Ma torniamo a noi!

Le protagoniste principali sono quattro + una, e l’ho scritto volutamente in questo modo poiché, fin dalla prima puntata, una delle cinque è defunta. La ‘povera’ Alison (Sasha Pieterse), per l’esattezza, è scomparsa e data per morta da parenti ed amici, anche se si scopre fosse una grandissima stronza, e che molte persone quindi siano tutt’altro che tristi per la sua dipartita, tanto più i bullizzati della scuola. Il problema è che, a partire dal suo funerale, le sue amiche iniziano a ricevere sms da un (quasi)anonimo A-. Che sia lei oppure il suo Assassino? Non si sa, ma sicuramente chi invia quei messaggi è al corrente di molti segreti su chiunque viva nella sfortunata cittadina di Rosewood (poliziotti corrotti, fidanzati gelosi, tradimenti, omicidi e pazzie varie curate all’interno dell’ospedale Radley).

fan art lucy hale

Lucy Hale è una delle protagoniste: Aria

Le quattro amiche della forse defunta Alison, che si muovevano come api intorno alla regina, sono Aria (Lucy Hale), Spencer (Troian Bellisario), Emily (Shay Mitchell) e Hanna (Ashley Benson), le cui relazioni e storie sono intrecciate in intrighi e segreti che, puntualmente, la famigerata A- scopre e ricatta via sms.

A- infatti pare avere occhi dappertutto e ciò che vede non resta a lungo un segreto: Aria, ad esempio, vorrebbe fare la scrittrice, per cui si innamora e intrattiene una relazione con il bel professore di inglese Ezra, mentre i genitori intrattengono relazioni extraconiugali.
Emily scopre di essere bisessuale e decisamente una porta sfortuna; infatti nel corso della storia più o meno tutte le sue conquiste muoiono o spariscono per andare vivere da parenti lontani, e lei stessa rischia la vita un sacco di volte.
Hanna è cleptomane ed ha dei problemi con il cibo, ma nonostante ciò si fidanza con un ragazzo hacker di computer e smartphone.
Spencer è la più intelligente e curiosa delle cinque, ma ha il vizio di limonare tutti i fidanzati della sorella, evidente erede genetica di un padre che si è ripassa tutte le vicine di casa, procreando figli illegittimi.

I cattivi di questa serie potrebbero essere potenzialmente tutti o nessuno perché, appena si pensa di aver capito qualcosa su un personaggio, è molto probabile che muoia e scompaia dalla storia. Motivo per cui ci sono un sacco di funerali a Rosewood!

Non vi spoilero altro di questo mondo parallelo ma sappiate che chi è morto non è detto che lo sia davvero, così come chi è uomo potrebbe rivelarsi donna e viceversa, o che spuntino fratelli gemelli inaspettati fino a quel momento mai citati.

Vi ho incuriosito?

Il mondo malsano con sparizioni e morti misteriose di Pretty Little Liars vi sta attirando?

Sappiate che è una delle serie tv più twittate – l’ultimo episodio della terza stagione, in particolare, ha generato 1,6 milioni di tweet complessivi – e che ha speciali webseries parallele con indizi e puntate a tema Halloween con Guest star interessanti.

Io sto aspettando il 21 giugno per la settima stagione, dopo una sesta ambientata 5 anni dopo (dopo cosa? Inutile che chiediate, non ve lo dico…), e che dicono potrebbe essere “l’inizio della fine”.

Ma non ci sono MAI notizie certe nel pazzo mondo di A-!