“Mica pizza e fichi” è una delle espressioni romane che non comprenderò mai fino in fondo. Ma come? Due delle cose più buone al mondo, nella stessa frase, per dire che? Che l’oggetto in discussione ha un certo pregio contrapposto a uno di poco conto? Io… Boh!

romolo_e_remo

Eppure i fichi nell’antichità hanno conosciuto periodi lunga gloria.fico-uncinetto

Basti pensare che la leggenda vuole che proprio a Roma, Romolo e Remo scamparono la morte trovando riparo sotto un albero di fichi con la lupa ad attenderli.

Nella Grecia classica erano considerati “degni di nutrire oratori e filosofi”, Platone (oh! Platone, mica pizza e fich…ehm) ad esempio era soprannominato “mangiatore di fichi” per quanto ne era goloso, raccomandandoli ai suoi studenti per rinvigorire corpo e mente

Sempre in Grecia esisteva addirittura il contrabbando dei fichi.

Pare, infatti, ci fosse il divieto assoluto di esportare questi frutti considerati un alimento di prima necessità e che, ad essere sorpresi a coglierli, si rischiasse di brutto!
il-sicofanteEd ecco che mentre scrivo si apre un cassetto dimenticato della mente con dentro il vocabolario di greco e trovo lui: il Sicofante infame (συκον, fico, e φαινειν indicare), il calunniatore, la spia nata per denunciare l’esportazione clandestina di fichi.

Comunque sia, i fichi hanno un sacco di proprietà, “fanno bene alla vista, alla pelle, ai capelli…” e non solo.

 

Nonostante tutto i fichi sono buoni, ok. E soprattutto sono belli, sono talmente belli e attraenti che, è inutile girarci intorno, sono l’emblema dell’eros e di tutte le allegorie sessuali con desinenza in A!

Ricchezza, prosperità e fecondità hanno contrassegnato nei secoli il frutto nell’iconografia.

Lasciando in pace i poveri Adamo ed Eva che ne hanno passate già abbastanza, molti dei dipinti che raffigurano i fichi strizzano l’occhio più o meno velatamente alla carnalità.

Meno velato fu invece Giovanni da Udine che entrò a gamba tesa a Villa Farnesina affrescando le decorazioni della Loggia di Psiche con questo esuberante trionfo di fiori, fichi e zucca. Sì, fichi e zucca.

affreschi floreali e decorativi, realizzati da nella Loggia di Psiche, a Villa Farnesina, a Roma

affreschi floreali e decorativi, realizzati nella Loggia di Psiche, a Villa Farnesina, a Roma.

 

E va bene, questa volta il Popolo dell’internet mi ha un po’ deluso, speravo di trovare più idiozie a riguardo invece ho trovato solo spunti interessanti, come queste “fichissime” palette di colori

Vi aspetto sulla Board di Pinterest se volete aggiungere qualche spunto interessante!

 

Al prossimo Fuori Menù

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=I5YIMI8K0Nc?rel=0&w=560&h=315]