Resli - Reditum

Reditum – Resli Tale

Vi è mai capitato di osservare un luogo, sentire un odore, gustare un sapore che avete avvertito subito come vostro,  quasi con una punta di nostalgia, senza un apparente motivo?

No? Allora probabilmente avete dei problemi psicologici riconducibili alla sfera sessuale, derivanti da un rapporto conflittuale con i vostri genitori.

Lasciando stare Freud, questa premessa serve ad introdurvi nel mondo della nostra consorella Resli Tale. Con Reditum ci porta a riflettere sul significato delle radici: un insieme eterogeneo di elementi da cui prende forma il nostro “sottosuolo”, attraverso un lungo lavoro del tempo, che ha inizio prima della venuta al mondo, e il cui percorso si spinge fino all’attuale presente, per intrecciarsi all’Io più profondo.

In ogni opera Resli ci riconduce alle origini attraverso l’utilizzo di forme e tratti primordiali, accompagnati ad una continua sperimentazione.

Come nel caso della serie Experimental Noise (insieme ad altre immagini nella galleria a fondo dell’articolo), in cui l’uso di materiali tradizionali, come carta di giornale, pelli conciate, rame e nastro adesivo, si affianca ad un processo creativo fuori dagli schemi: la trasformazione di stimoli uditivi (in questo caso provenienti dalla TV) in segni grafici.

 

Nella sua produzione Resli si distingue anche per la semplicità compositiva e la fluidità del tratto che rendono ogni opera chiaramente leggibile, ma che non indeboliscono, anzi amplificano, l’intensità emotiva delle immagini. Come in questi studi di anatomie nei quali il segno diventa tramite fra il medium e la nostra percezione di ciò che l’artista ci vuole comunicare.

resli-anatomia

Studio di anatomie 1 – Resli Tale

resli-anatomia2

Studio di anatomie 2 – Resli Tale

resli-anatomia3

Studio di anatomie 3 – Resli Tale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il reparto di psicologia della Massoneria Creativa consiglia di prendervi cura delle vostre radici in poche semplici mosse: acqua abbondante e un cambio di terriccio ogni tanto. Ne va della vostra sanità mentale.